Dietro le quinte del fast-fashion

Photo by Ron Lach

Pensi di sapere davvero tutto ciò che si cela dieto l’industria del fast-fashion? In questo articolo proviamo a svelarti qualche segreto in più, mostrandoti la catena di montaggio costruita attorno ad una delle industrie più inquinanti al mondo: quella della moda.


Il modello fast-fashion è INSOSTENIBILE sia dal punto di vista etico che ecologico. Proprio come il capitalismo si è rivelato un sistema incapace di “rigenerare” il tessuto socio-economico, accentuando le disparità e le disuguaglianze tra i popoli ed innescando la crisi ambientale globale, così il business del fast-fashion, sfruttando un numero significativo di risorse umane e ambientali, inizia ad apparire come una nota stonata nella melodia composta dagli obiettivi dell’Agenda 2030.

Mai come adesso le nostre scelte pesano sul futuro del pianeta e mai come ora è fondamentale comprendere le conseguenze delle nostre azioni quotidiane, anche quelle più semplici come l’acquisto di una t-shirt.
Molti di noi sanno che per produrre una t-shirt sono necessari circa 2.700 lt d’acqua. Immaginiamo di produrre 450 milioni di articoli all’anno (come fa un noto marchio di fast-fashion). Se la matematica non è un’opinione, dovremmo destinare esattamente 1.215.000.000.000 lt di acqua al solo processo produttivo (ipotizzando che tutti i capi siano realizzati in cotone e siano solo t-shirt). Secondo i dati 2019 dell’UN Environment Programme, l’industria della moda è infatti responsabile del 20% del consumo mondiale di acqua.

E se al posto del cotone utilizzassimo il poliestere?


Anche in questo caso non aiutiamo l’ambiente. Il poliestere è una fibra sintetica ricavata dal petrolio che da solo rappresenta la metà del consumo mondiale di fibre tessili. Alla pari di qualsiasi altro prodotto a base di combustibili fossili, come il PVC, la sua lavorazione sprigiona considerevoli quantità di gas serra. Inoltre, durante il processo di produzione, vengono utilizzate sostanze chimiche tossiche, che spesso permangono sui vestiti che indossiamo. Se volete approfondire l’argomento, vi consigliamo di leggere anche l’articolo “Il lato oscuro della moda Vegan”.


La stragrande maggioranza dell’abbigliamento venduto in Occidente proviene dal sud-est asiatico. Ciò significa che una volta realizzati, i vestiti devono percorrere migliaia di km per arrivare ai centri di distribuzione in Europa e in America. E secondo voi come viaggiano i vestiti? Ovviamente in aereo o in mare! Calcolando che il ciclo produttivo di un capo fast-fashion è di circa 5 settimane, il processo distributivo è come un interruttore sempre acceso, con milioni di prodotti che varcano ogni giorno i confini dei Paesi occidentali generando generose quantità di CO2.
Una volta giunti nelle nostre case, questi vestiti continuano ad inquinare lungo l’intero ciclo di vita. Il lavaggio di indumenti sintetici rappresenta il 35% del rilascio di microplastiche primarie nell’ambiente. Un solo carico in lavatrice può rilasciare fra le 700.000 e i 12 milioni di microfibre che finiscono in mare e tornano nei nostri piatti!

Che fine fanno gli abiti dismessi?


Il fast-fashion spinge ad accorciare il ciclo di vita dei prodotti che, nella maggior parte dei casi, finiscono nella spazzatura o in discarica anche dopo pochi mesi. Ciò è dovuto non solo alla scarsa qualità delle materie prime utilizzate, ma ad una subdola strategia persuasiva che ci spinge a rifiutarci di indossare la stessa cosa più di una volta, dando vita a una vera e propria relazione di dipendenza dallo shopping.
Una volta giunti in discarica i vestiti impiegano anche fino a 200 anni (come nel caso del poliestere) per decomporsi, specialmente quelli in fibra sintetica.

Riciclare gli abiti può rappresentare una soluzione?


Certamente, ma serve solamente ad arginare il problema. Innanzitutto, non tutti i capi possono essere riciclati. Quelli caratterizzati da fibre miste (ad esempio, 50% cotone 50% poliestere) sono quasi impossibili da riciclare. Al giorno d’oggi solamente l’1% degli abiti dismessi viene riciclato. Inoltre, il processo di riciclo delle fibre richiede ingenti quantitativi di energia e di agenti chimici, senza considerare che, una volta riciclati, le nuove fibre entreranno a far parte di un nuovo ciclo produttivo e distributivo.

Il fallimento dell’economia lineare ha segnato l’ascesa del modello circolare, che ha unito le due estremità del processo lineare (materie prime e rifiuti), riportando i rifiuti all’inizio della catena produttiva e utilizzandoli come materia prima . Mirco Mariucci (L’inganno dell’Economia circolare, 2019) ci spiega perché un modello di economia circolare, così inteso, risulta a lungo andare anch’esso inefficace:

  1. Non tutte le materie prime possono essere riciclate;
  2. non tutto ciò che può essere riciclato, può essere rimpiegato per la medesima finalità di partenza;
  3. non tutto ciò che può essere riciclato , può essere riciclato all’infinito;
  4. produrre, consumare, riciclare non sono attività “innocue” per l’ambiente;
  5. una parte di materia/energia viene irrimediabilmente ed inevitabilmente “dissipata” durante le fasi di produzione, consumo e riciclaggio.

E’ chiaro che il nocciolo della questione sta nel consumo stesso. Il consumo innesca la produzione e genera rifiuti. Rivalutare il proprio approccio alla moda e le proprie abitudini di acquisto rappresentano azioni importanti capaci di indirizzare il settore della moda verso una produzione ed un consumo più sostenibile per chi lavora, per chi acquista e per il pianeta che ci ospita.

Comments

37 Comments Add comment
  1. tlovertonet 18/12/2023

    Excellent beat ! I wish to apprentice whilst you amend your web site, how could i subscribe for a blog web site? The account aided me a acceptable deal. I have been tiny bit familiar of this your broadcast provided shiny transparent concept

    http://www.tlovertonet.com/

  2. Excellent read, I just passed this onto a friend who was doing a little research on that. And he just bought me lunch because I found it for him smile Therefore let me rephrase that: Thanks for lunch!

    https://fireflypcb.com/

  3. Marine LED Bulbs 14/01/2024

    F*ckin’ awesome things here. I am very glad to see your article. Thanks a lot and i am looking forward to contact you. Will you please drop me a e-mail?

    https://www.ledlightbulb.net/index.php?main_page=index&cPath=187

  4. The Hidden Pages 20/01/2024

    Attractive section of content. I just stumbled upon your site and in accession capital to assert that I acquire in fact enjoyed account your blog posts. Any way I will be subscribing to your feeds and even I achievement you access consistently rapidly.

    https://www.thehiddenpages.com

  5. facebooookk 25/01/2024

    certainly like your website but you need to take a look at the spelling on quite a few of your posts Many of them are rife with spelling problems and I find it very troublesome to inform the reality nevertheless I will definitely come back again

  6. dukat cena 08/02/2024

    I like this website so much, saved to fav. “Nostalgia isn’t what it used to be.” by Peter De Vries.

    https://zlatnistandard.rs/kategorija/zlatni-dukati/franc-jozef-dukat/

  7. Vintage Toy Cars 08/02/2024

    I precisely needed to appreciate you all over again. I am not sure the things that I might have carried out without the type of tricks documented by you over such topic. It was before the frightful issue in my position, nevertheless viewing a new professional tactic you handled that forced me to cry over fulfillment. I am happy for the support as well as sincerely hope you recognize what a powerful job you were providing educating people all through your websites. I am certain you have never met any of us.

    https://bookscardsnbikes.com/

  8. I really like reading through a post that can make men and women think. Also, thank you for allowing me to comment!

  9. puravive 19/02/2024

    Somebody essentially lend a hand to make significantly posts I might state That is the very first time I frequented your web page and up to now I surprised with the research you made to create this particular put up amazing Excellent job

  10. puravive reviews 19/02/2024

    Thank you for the auspicious writeup It in fact was a amusement account it Look advanced to far added agreeable from you However how can we communicate

  11. “Excellent!”

  12. “Keep it up!”

  13. “Impressive!”

  14. “Great job!”

  15. “Nice work!”

  16. “Fantastic!”

  17. “Well done!”

  18. “Bravo!”

  19. “You’re amazing!”

  20. “Well done!”

  21. “Excellent!”

  22. “Excellent!”

  23. 2024 mustang 21/02/2024

    “Fantastic!”

  24. “Bravo!”

  25. “Impressive!”

  26. “Keep it up!”

  27. Thank you for highlighting this important issue.

  28. Hi my family member I want to say that this post is awesome nice written and come with approximately all significant infos I would like to peer extra posts like this

  29. I appreciate the depth of this article.

  30. This article is a treasure trove of information.

  31. I value the objectivity presented here.

  32. You’ve captured the essence beautifully.

  33. I’m in awe of the detail in this article.

  34. A balanced and informative discussion.

  35. GMB CTR 28/02/2024

    I am now not sure where you’re getting your information, however good topic. I must spend a while finding out more or figuring out more. Thanks for excellent information I was searching for this info for my mission.

    https://agencyassassin.com

  36. Capy8wooRy 29/02/2024

    Hello, World!
    Hey there, mate! Greetings from your favorite surfing capybara!
    How’s the surf today?
    Ready to catch some gnarly waves together?
    https://capybara888.wordpress.com/
    Good luck!

  37. NeuroTest scam 01/03/2024

    I do not even know how I ended up here but I thought this post was great I dont know who you are but definitely youre going to a famous blogger if you arent already Cheers

Leave a comment